Sviluppo urbano e innovazione sociale: la rigenerazione secondo BELL Group

Sviluppo urbano e innovazione sociale: la rigenerazione secondo BELL Group

Sviluppo urbano e innovazione sociale: la rigenerazione secondo BELL Group 1500 1000 BELL Group

La riqualificazione edilizia è leva fondamentale nei processi di rigenerazione urbana e di innovazione sociale: proprio per questo i progetti di BELL Group si fanno portavoce di un’idea di rinnovo che, partendo dagli spazi, guarda al benessere e alla salute di chi li vive.

La rigenerazione urbana per arrestare consumo di suolo

Il suolo è una risorsa ambientale fondamentale: per questo il suo consumo incontrollato in nome dello sviluppo urbanistico ed economico delle grandi città rappresenta un rischio per gli equilibri ambientali garantiti dalla ricchezza di biodiversità e di conseguenza per il benessere dell’intera comunità abitante. Per arginare il rischio di un consumo di suolo incontrollato, seppur non limitando lo sviluppo naturale delle metropoli, è necessario attuare un cambio di prospettiva dando vita a processi di rigenerazione e riqualificazione di quartieri o intere aree urbane altrimenti abbandonate al degrado. Il concetto di sviluppo urbano sostenibile cresce infatti intorno alla volontà di rilanciare aree periferiche, edifici degradati e zone urbane dismesse trasformandoli in preziose risorse per lo sviluppo urbano, economico e sociale delle città, senza consumare ulteriore suolo.

Il recupero edilizio per la rivitalizzazione economica di zone periferiche

Non solo sottrarre al degrado un patrimonio edilizio preesistente, ma innescare processi che diano nuova energia al contesto urbano e all’economia locale. In questo, la riqualificazione edilizia diventa leva fondamentale nel processo più complesso di rigenerazione urbana che, partendo dal rinnovo degli spazi, mira in ultima analisi alla salute e al benessere di chi li vive, passando anche attraverso interventi a favore della mobilità sostenibile, attraverso tecniche costruttive ecocompatibili, ma soprattutto attraverso il rilancio dell’economia intorno alle zone sottratte al degrado.

La riflessione si apre così al tema dell’innovazione sociale, ovvero un processo collettivo finalizzato alla realizzazione di beni e servizi che migliorano il livello di benessere di una intera comunità. Un esempio virtuoso di recupero urbanistico sono i molti spazi posizionati in prossimità dei centri urbani oggetto di una riconversione d’uso per diventare importanti centri di smistamento, hub per la logistica e last mile, per citarne alcuni.

La rigenerazione urbana secondo BELL Group 

E se le città evolvono di pari passo con le società, al mercato immobiliare va la sfida di comprenderne ed anticiparne i bisogni. Dalla crescente attenzione al tema della sostenibilità, allo sviluppo repentino del digitale, fino ai nuovi concetti di flessibilità nell’utilizzo degli spazi: tanti sono gli stimoli che oggi condizionano il modo di vivere, di lavorare e di spostarsi e proprio nella risposta ai cambiamenti in atto sta il futuro del settore immobiliare. L’idea di rigenerazione urbana di BELL Group parte dal recupero di edifici esistenti con circa il 60% dell’attività del gruppo relative a immobili sottratti al degrado e convertiti a nuove esigenze di business. L’obiettivo non è solo il recupero dell’edificio, ma la possibilità di generare intorno a esso circoli virtuosi di rinnovo del tessuto urbano e sociale: così, per esempio, l’apertura del nuovo punto vendita ALDI a Magenta (MI) ha visto non solo la rivalutazione di un capannanone industriale sottratto al degrado, ma anche un intervento di trasformazione urbanistica – grazie a una rotatoria e una pista ciclabile – a favore dell’intera comunità. Allo stesso modo, l’ex complesso industriale di via Watt a Milano, riqualificato da BELL Projects con il supporto tecnico di BELL Contractor, accoglie oggi esponenti di spicco del mondo della moda e della comunicazione diventando un fervido punto di attività, incontro e scambio per la città di Milano, mentre il progetto di riqualificazione in Corso Europa 22 si fa portavoce di un’idea di trasformazione del tessuto urbano attento a coltivare gli immobili esistenti, prima ancora che a costruirne di nuovi. È proprio attraverso queste iniziative che BELL Group testimonia la riqualificazione urbana come core business aziendale, che sia attraverso la modifica della destinazione d’uso di un edificio, il miglior utilizzo delle sue caratteristiche architettoniche o l’intuizione preliminare di tutte le sue potenzialità.